Il Comitato “la Torraccia” nasce dalla volontà di un gruppo di cittadini di San Cesareo, paese situato a sud della Capitale che conta circa 12.000 abitanti, che hanno avuto la sventura di vedersi costruire in prossimità delle proprie abitazioni e strutture commerciali (molto in prossimità), una serie di viadotti lungo il tratto autostradale (km 575) Fiano – San Cesareo, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita : aumento dell’inquinamento dell’aria e del rumore.

Disagi amplificati durante i periodi estivi, dovuti ad intenso traffico, molto più accentuati dall’apertura delle finestre, nonché del grave danno economico dovuto alla perdita di valore degli immobili.Esistono tante soluzioni per ridurre il rumore provocato dai mezzi circolanti (nuovi pannelli assorbenti ) , asfalto fonoassorbente. Anche la creazione di una stazione per il monitoraggio dell’aria sarebbe importante.Sistemare nel tratto in questione degli autovelox potrà far aumentare gli introiti e la perdita di punti degli automobilisti, ma l’inquinamento dell’aria e il rumore rimarranno gli stessi.Tenere le finestre chiuse anche d’estate …………… ? La società Autostrade risponde :1) …..Dai calcoli acustici effettuati, le barriere attualmente presenti mostrano di offrire una buona protezione a molti dei ricettori localizzati nell’area, tuttavia – probabilmente per le ragioni da Lei indicate – alcuni di essi sono esposti a livelli di rumore ancora elevati.Per questi al momento stiamo prevedendo degli interventi diretti attraverso la sostituzione (ovviamente a titolo gratuito) delle finestre con infissi isolanti autoventilati.2) …..completiamo la nostra risposta informandoLa che, rispettivamente dal 2003 e dal 2004,la carreggiata Nord e quella Sud dell’A1 al km 575 sono equipaggiate conpavimentazione drenante fonoassorbente.
Definizione di inquinamento acustico: l’introduzione di rumore nell’ambiente abitativo o nell’ambiente esterno tale da provocare fastidio o disturbo al riposo ed alle attività umane, pericolo per la salute umana, deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dell’ambiente abitativo o dell’ambiente esterno o tale da interferire con le legittime fruizioni degli ambienti stessi (Legge quadro 447/95)Sono di competenza dei comuni, secondo le leggi statali e regionali e i rispettivi statuti:a) la classificazione del territorio comunale secondo i criteri previsti dall’articolo 4, comma 1, lettera a);b) il coordinamento degli strumenti urbanistici già adottati con le determinazioni assunte ai sensi della lettera a);c) l’adozione dei piani di risanamento di cui all’articolo 7;2. Al fine di cui al comma 1, lettera e), i comuni, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, adeguano i regolamenti locali di igiene e sanità o di polizia municipale, prevedendo apposite norme contro l’inquinamento acustico, con particolare riferimento al controllo, al contenimento e all’abbattimento delle emissioni sonore derivanti dalla circolazione degli autoveicoli e dall’esercizio di attività che impiegano sorgenti sonore Legge quadro 447/95 Legge regionale Lazio 3 agosto 2001, n° 18 .foto 1 2 3 4 5 6 7 8 9